Una ballade romantica e poetica diventa il secondo singolo estratto dall’album “King of the minibar”

 

Il brano si ispira ad una frase tratta da un dialogo del film capolavoro “Love Streams” di John Cassavetes. “Chi ama deve offrire i propri segreti alla persona amata”. Registrato tra Berlino, Londra e la Liguria per assecondare la natura e il suono internazionale del progetto e prodotto dal musicista James Cook, il disco conferma la ricchezza compositiva di Marti, progetto guidato da Andrea Bruschi, in cui la musica si nutre di influenze cinematografiche, letterarie ed artistiche a 360 gradi. Cover e artwork del disco sono firmati dal celebre fumettista Igort, non nuovo a usare le sue matite per raccontare la musica in immagini.

“King of the minibar”, il terzo album di Marti uscito nella primavera 2017, è un disco pensato come una graphic novel ambientata in un hotel di Berlino con dieci stanze, tutte con il loro minibar, ognuna con il proprio ospite e la sua storia da raccontare. Dieci avventure e dieci caratterizzazioni che costruiscono un fluido percorso musicale che include new wave e post-punk, il noir delle colonne sonore, la sperimentazione e il cabaret della scena tedesca, il cantautorato della tradizione italiana, l’amore incondizionato per David Bowie, Marc Almond e Depeche Mode e il gusto pop per il ritornello melodico. Ispirato e dedicato a tutte le persone solo apparentemente ai margini della nostra prospettiva.

Etichetta: Cassavetes Connection

DICONO DI “KING OF THE MINIBAR”: C’è un modo di fare musica fuori dal tempo, un suono elegante (wave, noir, cantautorale), palesemente figlio dell’amore e del rispetto di quelle famose persone che Bruschi e compagni emulano e supportano da sempre – Marco Jeannin su ROCKOL.

“The King of the Minibar” è un disco assolutamente fuori asse dal punto di vista del gusto e della moda contemporanea: ma se voi, ancora oggi, preferite un buon bicchiere di vino rosso ad un negroni scadente fatto in qualche bar di periferia, questo è il disco che fa/parla per voi. – Mattia Nesto su ROCKIT

Una prova d’autore ben lontana dall’ordinario trendy raccontata con un filo di cerone sulla faccia e tanta poesia nel cuore – Alessandro Freschi su DISTORSIONI

MARTI
Andrea Bruschi: vocals
Claudia Natili: double bass
Simone Maggi: accordion / piano / oboe / sax

CREDITS: All songs written by Andrea Brusch. Produced, recorded, engineered and edited by James Cook at DeepSeeStudios, London Engineered by Nico Sannino at c27 Studio, Italy. Drums recorded by Ed East at Studio East, Berlin. Piano recorded at Orange Studio, Leivi. All string arrangements by Anne Marie Kirby\. Drums and drum editing by Tom Marsh. Mixed by James Cook, Milan Adamik and Nico Sannino at Masterworks Studio, London Mastered by Milan Adamik at Masterworks, London

Andrea Bruschi è fondatore e guida della forza creativa dei pionieri musicali Marti. Escludendo tranquilli percorsi a favore di un’eclettico e gratificante infuso di jazz, rock e avanguardia, la band di Genova è determinata a costruire un sound proprio e tracciare un sentiero caldo. La band trova la propria massima espressione nelle performance live, nei testi di Andrea e in un talento musicale istintivo, conquistando nuovi fans in tutta Europa. “In Marti,” afferma Andrea, “sono l’autore, e la band mi aiuta a creare il mondo che ho nella mia mente. Non sarebbe possibile farlo da solo “. Con “Better mistakes”, il secondo album di Marti, la band ha creato una confezione variegata di vignette evocative e spesso impegnative che si curvano amorevolmente nell’orecchio e non facilmente dimenticabili.

Sito Web – Facebook

26 Ottobre 2017